Economia

Conti latranti

Le spese sanitarie, nei primi dieci mesi di quest’anno, sono cresciute del 18.5%. Può darsi nessuno s’aspettasse nulla di diverso, lo immaginavamo e, forse, quella percentuale è anche bassa. Ma può anche darsi che non ci si sia capiti: mica è la spesa sanitaria nazionale, è quel che gli italiani hanno pagato in più per curare i cani. Solo i cani. Poi si aggiungono gli altri animali domestici, o di compagnia, ricordando che al primo posto ci sono i gatti.

Adoro gli animali. Meno la propensione a prenderci in giro per i fatti nostri: in un mondo che si impoverisce non crescono a quel modo le spese a loro dedicate. Alcune, oltre tutto, indicano che vogliamo più bene a noi stessi che a loro, visto che fra quelle “cure” rientrano il taglio di code, orecchie, unghie, palle e ovaio. Il fatto che sia raddoppiata la spesa per pannoloni non ditemi che è per rendere migliore la loro vita. Che si sia impennata del 22.3% la spesa per comprare loro il cappottino è generosità non pelosa: non so se ci avete fatto caso, ma nascono con la pelliccia incorporata. Avere speso il 12% in più per comprare i loro giochini ci ha divertito molto, ma tendo a supporre che preferirebbero correre e arrampicarsi per i fatti loro, piuttosto che ciucciare all’infinito un coso di gomma aromatizzata.

1 miliardo e 200 milioni è quel che abbiamo speso per alimentarli. La spesa per bevande e merendine per gatti è salita del 18.3%. Vorrei fare osservare che per la prima infanzia, ogni anno (qui siamo a 10 mesi), fra pannolini, ciucciotti ed omogeneizzati, spendiamo 835 milioni.

Evviva i nostri amici, a quattro zampe, pennuti o squamosi, ma raccontiamocela giusta su noi bipedi. Piangiamo miseria a ogni sospiro, ma non siamo mai stati tanto ricchi. Ci fa paura il futuro, ma il presente è migliore del passato che erroneamente ricordiamo. Ci spaventiamo per un bau bau, salvo pagarlo per un umano arf arf. Il guaio più serio è che imbrogliandoci su noi stessi riusciremo a conquistare la miseria che reclamiamo.

DG, 4 dicembre 2020

Condividi questo articolo